Ultima modifica: 10 ottobre 2018
I.C. Sutri > Area Utenti > Area Studenti > Validità anno scolastico

Validità anno scolastico

Validità anno scolastico 

per la valutazione alunni della Scuola Secondaria di I grado

 

Visto  il D.Lgs 62/2017;

Visto il D.P.R. n.122 del 22 giugno 2009 art. 14 comma 7 che recita  “….. ai fini della validità dell’anno scolastico, …. per procedere alla valutazione finale di ciascuno studente, è richiesta la frequenza di almeno ¾ dell’orario annuale personalizzato”;

Vista  la Circolare del MIUR n. 20 prot n. 1483 del 4/3/2011 pari oggetto;

Vista la Nota MIUR  prot. 1865 del 10/10/2017;

si rende noto che, gli alunni iscritti alla Secondaria di 1° grado, sulla base delle richieste orarie formulate all’atto dell’iscrizione e tenuto conto che le ore settimanali vengono svolte in 5 giorni, sono vincolati alla frequenza nel rispetto della seguente tabella

 

Ore settimanali Monte ore annuo

( x 33 settimane)

Presenze

richieste

(75% totale)

Ore

Massimo Assenze consentite

(25% totale) Ore

Massimo Assenze consentite

(equivalenza in giorni forfettaria)

30[1] 990 742,5 247,5 41
29[2] 957 718 239 40

 

Per gli alunni disabili con percorsi individuali si farà riferimento a quanto stabilito dal rispettivo Piano educativo personalizzato.

 

Per delibera del Collegio dei Docenti sono computate come ore di assenza rispetto al numero delle ore giornaliere effettive:

  • entrate in ritardo dopo 15 minuti dall’inizio della prima ora di lezione;
  • uscite in anticipo di 30 minuti e oltre rispetto alla fine dell’ora di lezione;
  • assenze per malattia;
  • assenze per motivi familiari e/o personali;
  • non frequenza a scuola in caso di non partecipazione ad attività didattiche extracurricolari uscite didattiche, viaggi, visite di istruzione; in tal caso saranno computate le ore della giornata previste nell’ orario settimanale delle lezioni, a prescindere dalla durata dell’attività stessa;
  • non frequenza a scuola in caso di non partecipazione ad attività organizzate in ore curricolari;
  • qualsiasi altra assenza non rientrante nelle tipologie di assenze ammesse a deroga.

 

Non sono computate come ore di assenza :

  • la partecipazione ad attività organizzate dalla scuola (es. campionati studenteschi, progetti didattici inseriti nel POF e/o approvati dal Consiglio di classe, attività di orientamento, percorsi individualizzati di recupero);
  • la partecipazione ad esami di certificazione esterna o concorsi.

 

Il Collegio dei Docenti ha inoltre stabilito che le tipologie di assenze ammesse a deroga riguardano:

  1. gravi motivi di salute (ricovero ospedaliero o cure domiciliari, in forma continuativa o ricorrente) e visite specialistiche ospedaliere e day hospital;
  2. gravi motivi personali e/o di famiglia (provvedimenti dell’autorità giudiziaria, attivazione di separazione dei genitori in coincidenza con l’assenza; gravi patologie e lutti di componenti del nucleo familiare);
  3. assenze per accertato grave disagio sociale caratterizzate dall’intervento dei servizi sociali, socio-sanitari etc;
  4. limitatamente agli alunni stranieri, assenze dovute a periodi di rimpatrio;
  5. partecipazione ad attività agonistica  e sportive organizzate da federazioni riconosciute dal C.O.N.I.;
  6. assenze dovute a sanzioni disciplinari costituite dall’allontanamento temporaneo dalla comunità scolastica.

 

Tutte le assenze di cui al precedente punto debbono essere preventivamente, o comunque tempestivamente, documentate al rientro dell’alunno a scuola mediante valida certificazione rilasciata dai soggetti competenti.

 

Al di fuori delle suddette deroghe qualsiasi altra assenza (ingiustificata o giustificata) effettuata durante l’anno scolastico verrà conteggiata ai fini della esclusione o inclusione nello scrutinio finale.

 

E’ compito del C.d.C. verificare, nel rispetto dei criteri definiti dal C. D., se il singolo alunno abbia superato il limite massimo consentito di assenze e se tali assenze, pur rientrando nelle deroghe previste dal C. D., impediscano, comunque, di procedere alla fase valutativa, considerata la non sufficiente permanenza nel rapporto educativo. Il Consiglio di Classe determina nel merito con specifica delibera motivata.

[1] Con insegnamento IRC o attività alternativa

[2] Senza insegnamento IRC o di attività alternativa